Mss. 109

Opere di Giovanni Guidacci e Alessandro Marzi

Datazione: paulo ante 1846.
Origine: Firenze
Lingua: italiano

Numerazione, fascicolazione e disposizione del testo: ff. II, 65, II’; bianchi i ff. 5v, 9v, 26rv, 36v, 50v, 55v, 59v, 60v, 65v. Cartulazione recente a lapis nell’angolo superiore destro. Presenti due altre numerazioni antiche. La prima, del sec. XVI-XVII, a inchiostro rosso, è relativa a un codice anteriore, i cui fogli bianchi sono stati smembrati a costituire questo; la posizione della numerazione permette di stabilire che l’attuale lato lungo fosse il lato corto del codice originario: nell’angolo superiore sinistro, trasversalmente, «164» a f. 22v, «174» a f. 24v, «163» a f. 25v, «173» a f. 27v, «172» a f. 30v, «165» a f. 31v, «245» a f. 53v, «246» a f. 54v; nell’angolo inferiore destro, trasversalmente, «166» a f. 36r, «244» a f. 58r, «257» a f. 59r . La seconda, del sec. XVII, a inchiostro scuro, nell’angolo superiore destro, pagina come numm. 1-20 i ff. 37r-46v.
Fasc. 1(4) (ff. 1-4), 1 f. (f. 5), 2(4) (ff. 6-9), 3(2) (ff. 10-11), 4(2) (ff. 12-13), 5(2) (ff. 14-15), 6(4) (ff. 16-19), 1 f. (f. 20), 7(6-1+1) (ff. 21-26: f. 25 è un foglio privo di riscontro, al cui tallone è stato incollato l’attuale f. 22, ricostituendo l’integrità del sesterno), 8(6-1) (ff. 27-31: sesterno privo dell’ultimo foglio, bianco), 9(6-1) (ff. 32-36: sesterno privo del primo foglio, bianco), 10(10) (ff. 37-46), 11(4) (ff. 47-50), 12(6-1) (ff. 51-55: sesterno privo del primo foglio), 13(4) (ff. 56-59), 2 ff. (60-61), 14(4) (ff. 62-65, ma una lacuna fra f. 63 e f. 64 denota la caduta di alcuni bifogli centrali, forse due). Richiami orizzontali nel margine inferiore destro, distribuiti irregolarmente, a volte a ogni foglio, a volte a ogni facciata, a volte assenti.
Mm. 284 × 213 (f. 53r).
Decorazione:
Scrittura e mani: Una mano principale, A, autografa di Giovanni Guidacci, ff. 1r-59r. Un’altra mano, B, di anonimo, aggiunge dei testi a ff. 61r-65r. Una mano seriore ancora secentesca, C, appone l’attribuzione «del Guidacci» e «del Guidacci, come sono tutte di questo scritto», aggiungendo i titoli ai testi anepigrafi e numerando le opere in testa al foglio d’inizio.
Note marginali di mano A con rimandi alle fonti citate.
Legatura: Legatura sec. XIX-XX in quarto di pergamena con quadranti in cartone coperti di carta marmorizzata; sul dorso a inchiostro «Accademia della Crusca».

Scheda redatta da: Tommaso Salvatore

Storia: Sulla controguardia anteriore è incollata una scheda di catalogo, certamente dell’asta o della libreria antiquaria ove l’esemplare fu reperito. Acquistato dall’Accademia della Crusca il 30 ottobre 1968 (timbro con data «13 novembre 1968» a f. Iv).
Bibliografia:

La campagna fotografica è in corso: la riproduzione del manoscritto sarà disponibile non appena eseguita e comunque entro il 2020