Mss. 136

Giuseppe Giusti, Discorsi e abbozzi di orazioni politiche

Materia scrittoria: Cartaceo
Legatura: I fascicoli sono raccolti in una cartella in quarto di tela con piatti in cartone coperti di carta decorata e punte in tela; legacci in tessuto lungo i tagli superiore, anteriore e inferiore; sul dorso, entro un tassello in pelle, è il titolo in oro «Carte Giusti III».
Numerazione, fascicolazione e disposizione del testo: ff. 158, gli ultimi 4 stampati, divisi in sei inserti, inss. 1-2 raccolti in fogli di carta, ins. 3 in una cartella cartacea, ins. 4 entro un foglio di carta ripiegato. Cartulazione recente a lapis distinta per i singoli inserti. Numerazione ottocentesca degli inserti, a lapis nell’angolo superiore sinistro del primo foglio: ins. 1 «Duodecimo inserto», ins. 2 «Tredicesimo inserto», ins. 3 «Sedicesimo inserto». L’ins. 6 reca il num. 11, relativo a quando il pezzo apparteneva al ms. 29.

Scheda redatta da: Tommaso Salvatore

Storia: Possessori: dopo la morte di Giuseppe Giusti nel 1850, legato da suo padre Domenico Giusti a Gino Capponi (1792-1876); da questi donato all’Accademia della Crusca il 15 novembre 1853. Gli inserti erano originariamente parte del ms. 29, come risulta dall’indice di questo; poi raccolti separatamente, in data posteriore al 1886, perché di interesse non dantesco.
Bibliografia: Paola Luciani, Sulle carte giustiane, in Giuseppe Giusti. Il tempo e i luoghi, a cura di Maurizio Bossi, Mirella Branca, Firenze, Olschki, 1999, pp. 20-21; Giuseppe Giusti, Proverbi, a cura di Elisabetta Benucci, Silvia Dardi, Firenze, Accademia della Crusca - Le Lettere, 2011, pp. 53-54; Elisabetta Benucci, Giuseppe Giusti e l’Accademia della Crusca, in Giuseppe Giusti, Atti dei Convegni di Monsummano Terme, Firenze, Pistoia, 2009-2010, a cura di Ead., Enrico Ghidetti, Firenze, RM Print, 2012, pp. 586-598, a p. 592; Ead., Letterati alla Crusca nell’Ottocento, Firenze, Accademia della Crusca, 2016, a pp. 155, 165-167.
Ulteriori Indicazioni: Contiene discorsi, abbozzi di orazioni politiche e frammenti di documenti settecenteschi. Il ms. i compone di sei inserti, di cui stampati i nn. 5-6.

La campagna fotografica è in corso: la riproduzione del manoscritto sarà disponibile non appena eseguita e comunque entro il 2020