Mss. 55

Jacopo Lori, La Mea di Polito (abbozzi)

Datazione: Sec. XVIII terzo quarto.
Origine:
Lingua: toscano

Numerazione, fascicolazione e disposizione del testo: ff. 17; bianco f. 17v. Cartulazione recente a lapis nell’angolo superiore destro.
Fasc. 1(2), 2(8+4), 1 f., 3(2): il fasc. 2 è un quaternione (ff. 3-4 e 9-14) con quattro carte volanti (ff. 5-8) inserite fra il 2° e il 3° foglio.
Mm. 296 × 212 (f. 3), ma f. 6 di mm. 208 × 153; strisce di carta di con correzioni e aggiunte incollate a f. 1r, 2r, 2v, 3r, 4v, 9r, 9v, 11v, 12v, 16r, 16v.
Decorazione:
Scrittura e mani: Una mano, autografa di Jacopo Lori.
Fitte correzioni, depennature e aggiunte della stessa mano.
Legatura: Cartella cartacea con titolo a penna sul quadrante anteriore: «I Tangheri di Montagna. Idillio villesco del Pievano Abate Jacopo Lori di San Marcello».

Scheda redatta da: Tommaso Salvatore

1 ff. 1r-17r

Autore: Jacopo Lori
Titolo: La Mea di Polito (minuta)
(seguono correzioni alla st. 109)
f. 1r. inc. «Allor che il Sol della gran madre il seno»
f. 16v. expl. «Cadde il giorno seguente in sepoltura / Fine»
f. 17r. expl. corr. «Stiavo Padroni! vi sposa ’n un attimo»

Storia: Possessori: Giuseppe Arcangeli (1807-1855); da questi prestato a Enrico Bindi e poi a Pietro Fanfani per l’allestimento dell’edizione a stampa (vd. bibliografia); donato dallo stesso Arcangeli all’Accademia della Crusca nel luglio 1848 (sul quadrante anteriore, a lapis: «Agosto 1848 regalato all’Accademia dall’Accademico Arcangioli»).
Segnatura precedente: Libri rari 3/42.
Bibliografia: Giuseppe Arcangeli, Lettera XI, All’abate Enrico Bindi, 18 [maggio] 1845, in Poesie e prose del professore Giuseppe Arcangeli Accademico della Crusca, Firenze, Barbera – Bianchi, 1857, I pp. 387-389, a p. 387 (citato come «l’originale in abbozzo»); La Mea di Polito. Poemetto montanino di Jacopo Lori, a cura di Pietro Fanfani, Pistoia, Cino di L. Vangucci, 1870, p. III; Gabriella Giacomelli, Per una rilettura de «La Mea di Polito» di Iacopo Lori, «Quaderni del Dipartimento di Linguistica. Università degli Studi di Firenze», V, 1994, pp. 193-217, a p. 193 (citato come irreperibile).