Mss. 5

Filippo Marchetti, Giornali dei viaggi di Cosimo de' Medici

Datazione: Sec. XVII ultimo quarto-XVIII primo quarto.
Origine:
Lingua: italiano

Numerazione, fascicolazione e disposizione del testo: ff. I, 61; bianco f. 61rv. Cartulazione recente a lapis nell’angolo inferiore destro.
Fasc. 1(12) (ff. I, 1-11), 2-4(12), 5(10), 6(4); richiami orizzontali nel margine inferiore destro del verso di ogni foglio.
Mm. 273 × 187 (f. 16r).
Presenti titoli correnti nel margine superiore destro di ogni facciata, che registrano la datazione del resoconto espressa in mese e anno.
Decorazione:
Scrittura e mani: Una mano, la stessa del ms. ASFi, Mediceo del Principato, 6388.
Legatura: Legatura sec. XVII-XVIII in piatti in cartone coperti di carta marmorizzata, con dorso in carta marmorizzata di diverso tipo; segnatura sul dorso e sul piatto anteriore. Sul contropiatto posteriore, entro i rimbocchi della coperta, sono due frammenti membranacei provenienti da manoscritto in littera textualis del sec. XIV seconda metà: si distingue la parola «laudantes».

1 ff. 1r-29r

Autore: Filippo Marchetti (attr.)
Titolo: Giornale del viaggio di Cosimo di Ferdinando II de’ Medici in Francia, Olanda e Germania, ottobre 1667-maggio 1668
f. 1r. «Ottobre 20 1667»
f. 1r. inc. «Havendo risoluto il Serenissimo Prencipe Cosimo di Toscana di fare un viaggio»
f. 24v. expl. «s’andò doppo a Palazzo, e la famiglia tutta alle loro case con intera salute»
f. 29r. expl. spese: «1. Bacile Saponetti»

2 ff. 29v-60v

Autore: Filippo Marchetti (attr.)
Titolo: Giornale del viaggio di Cosimo di Ferdinando II de’ Medici in Spagna, Portogallo e Inghilterra, settembre 1668-ottobre 1669
f. 29v. «Settembre 1669»
f. 29v. inc. «Doppo il ritorno delli 12 di Maggio prossimo passato dal viaggio d’Olanda»
f. 60v. expl. «ha fatto le spese il signor Carlo Colzi, che qui non sono comprese»

Storia: A f. Ir, di mano del sec. XIX; è il titolo «177. Viaggio di Cosimo III Granduca di Toscana fatto per diverse parti dell’Europa negli anni 1667, 1668, 1669 / Copia in sul declinare del sec. XVII in fol.».
Di questo resoconto attribuito a Filippo Marchetti sono noti due altri testimoni: 1) l’originale mutilo Firenze, Archivio di Stato, Mediceo del Principato, 6381, ins. n.n., già Miscellanea Medicea 832, ins. 7; 2) una copia successiva, ma completa, Firenze, Archivio di Stato, Mediceo del Principato 6388, ins. n.n., già Miscellanea Medicea 835, ins. 17. Il testo di questo secondo esemplare apografo corrisponde perfettamente a quello del presente ms. 5, e la mano che trascrive i due codici è la stessa, da cui si presume che con alta probabilità sussista fra loro un rapporto di derivazione.
Già in Accademia della Crusca nel 1886, per provenienza ignota.
Segnatura precedente: 177 (a f. Ir); Libri rari 3/35.
Bibliografia: