Mss. 78

Tommaso Segni, Difesa contro l'accuse dell’Imperfetto

Datazione: Sec. XVII (post 1626).
Origine:
Lingua: italiano

Numerazione, fascicolazione e disposizione del testo: ff. 9; bianco f. 9rv.
Fasc. 1(10-1): un quinterno privo dell’ultimo foglio, evidentemente bianco.
Mm. 271 × 197 (f. 1r).
Decorazione:
Scrittura e mani: Due mani: mano A (ff. 1r-3r); mano B (ff. 3r-8v).
Legatura: Legatura del sec. XIX in carta telata su piatti in cartone.

Scheda redatta da: Tommaso Salvatore

1 ff. 1r-8v

Autore: Tommaso Segni
Titolo: Difesa del Signor Tommaso Segni contro l’accuse dategli dal Cavalier Orazio Ricasoli, poi Rucellai, cognominato l’Imperfetto
f. 1r. «Difesa del Signor Tommaso Segni Accademico della Crusca, cognominato l’Ardito, contro l’accuse dateli dal Signor Cavaliere Oratio Ricasoli poi Rucellai, cognominato Imperfetto»
f. 1r. inc. «Quell’animo, e quella mente, orrevolissimo Seggio, virtuosa Adunanza, la quale ho avuto»
f. 8v. expl. «la sentenza che lo dichiari accusatore malvagio e calunniatore sfacciato»

Storia: Sul piatto anteriore è l’abbreviatura dei Citati «Segn. T. Dif.».
Possessori: Alamanno Salviati (1669-1733); acquistato a Roma nel 1804 da Giuseppe Bossi (1777-1815), alla cui biblioteca pertiene probabilmente la segnatura «N° 9» nell’angolo superiore sinistro di f. 1r; Guglielmo Libri (1802-1869); acquistato dall’Accademia della Crusca all’asta libraria Franchi & C. di Firenze nel 1885 (cfr. ms. 79).
Segnatura precedente: Libri rari 3/45.
Bibliografia: